4 marzo 1943

( Sing: Lucio Dalla )
( Author: Lucio Dalla - 1971 )

Listen all songs of Lucio Dalla

  • 4 marzo 1943 - Lucio Dalla

 Probably there are some translation errors, forgive me. Suggest Correction

Original


Dice che era un bell'uomo
e veniva, veniva dal mare,
parlava un'altra lingua
però sapeva amare.

E quel giorno lui prese a mia madre
sopra un bel prato,
l'ora più dolce
prima di essere ammazzato.

Così lei restò sola nella stanza,
la stanza sul porto,
con l'unico vestito
ogni giorno più corto.

E benchè non sapesse il nome
e neppure il paese,
m'aspettò come un dono d'amore
fino dal primo mese.

Compiva sedici anni quel giorno
la mia mamma,
le strofe di taverna
le cantò a ninna nanna.

E stringendomi al petto che sapeva,
sapeva di mare,
giocava a far la donna
con il bimbo da fasciare.

E forse fu per gioco,
o forse per amore,
che mi volle chiamare
come Nostro Signore.

Della sua breve vita, il ricordo,
il ricordo più grosso,
è tutto in questo nome
che io mi porto addosso.

E ancora adesso che gioco a carte
e bevo vino,
per la gente del porto
mi chiamo Gesù bambino.

E ancora adesso che gioco a carte
e bevo vino,
per la gente del porto
mi chiamo Gesù bambino.

E ancora adesso che gioco a carte
e bevo vino,
per la gente del porto
mi chiamo Gesù bambino.

Translation


They say he was a handsome man
and came, came from the sea
he spoke another language
but knew how to love.

And that day he took from my mother
on a beautiful meadow
the most tender hour
before being killed.

So she was left alone in the room,
the room on the harbour,
with her only dress
each day shorter.

And though she did not know his name
or even his country
she waited for me as a love gift
up from the first month.

She was sixteen that day
my mother,
the songs of taverns
she sang as lullaby.

And keeping me tight to her breast
that tasted like the sea
she played to be a woman
with a baby to be wrapped.

And maybe it was a game,
or maybe out of love
that she wanted to call me
like our Lord.

Of her short life, the memory,
the greatest memory
Is all in this name
that I carry on me.

And even now that I play cards
and drink wine
for the people of the harbour
my name is Baby Jesus.

And even now that I play cards
and drink wine
for the people of the harbour
my name is Baby Jesus.

And even now that I play cards
and drink wine
for the people of the harbour
my name is Baby Jesus.

* Incorrect validation number! Please type 11

     
 

Musica Italiana Copyright 2006-2017 "Pino Ulivi". Design, content and publication of "Leo Caracciolo"

The songs in Italian are to their respective owners.