Vurria

( Canta: Mario Merola )
( Autori: Pugliese - Rendine - 1958 )

 

Originale


Dint'a na casarella fredda e scura,
addó' na vota 'n ce traseva 'o sole,
mo stóngo io sulo e tengo na paura
ch'a poco a poco mme cunzuma 'o core.
Paura ca mme struje 'sta malatia
senza vedé cchiù Napule,
senza vedé cchiù a te.

Vurría turná addu te,
pe' n'ora sola,
Napule mia,
pe' te sentí 'e cantá
cu mille manduline.

Vurría turná addu te
comm'a na vota,
ammore mio,
pe' te puté vasá,
pe' mme sentí abbracciá.

'Sta freva
ca nun mme lassa maje!
'Sta freva
nun mme fa cchiù campá.

Vurría turná addu te
pe' n'ora sola,
Napule mia,
vurría...vurría...vurría,
ma stóngo 'ncróce!

'Sta freva
ca nun mme lassa maje!
'sta freva
nun mme fa cchiù campá.

Vurría turná addu te
pe' n'ora sola,
Napule mia,
vurría...vurría...vurría,
Napule mia.

Italiano corrente


Dentro una casetta fredda e scura,
dove una volta entrava il sole,
adesso sono da solo ed ho una paura
che a poco a poco mi consuma il cuore.
Paura che mi uccida questa malattia
senza vedere più Napoli,
senza vedere più te.

Vorrei tornare da te,
per un'ora sola,
Napoli mia,
per sentirti cantare
con mille mandolini.

Vorrei tornare da te
come una volta,
amore mio,
per poterti baciare,
per sentirmi abbracciare.

Questa febbre
che non mi lascia mai!
Questa febbre
non mi fa più vivere.

Vorrei tornare da te
per un'ora sola,
Napoli mia,
vorrei...vorrei...vorrei,
ma sono in croce!

Questa febbre
che non mi lascia mai!
Questa febbre
non mi fa più vivere.

Vorrei tornare da te
per un'ora sola,
Napoli mia,
vorrei...vorrei...vorrei,
Napoli mia.

     
 

Musica Italiana Copyright 2006-2017 "Pino Ulivi". Progetto, contenuto y pubblicazione da parte de "Leo Caracciolo"

Le canzoni in italiano sono dei loro rispettivi autori.