Vierno

( Canta: Sergio Bruni )
( Autori: Acampora - De Gregorio - 1946 )

 

Originale


E' vierno e chiove, chiove 'a na semmana
e st'acqua assaje cchi triste mme mantene.
Che friddo, quanno 'a sera, ca mme vne
cu st'aria 'e neve, mo ca manche tu.
'Sta freva, ca manch'essa mm'abbandona,
'sta freva, 'a cuollo, nun se leva cchi.

Vierno,
che friddo 'int'a stu core
e sola tu,
ca lle pu' d calore.
Te staje luntana e nun te faje ved'.
Te staje luntana e nun te cure 'e me.

Ca mamma appiccia 'o ffuoco tutt''e ssere
dint'a 'sta cammarella fredda e amara.
"Ma che ll'appicce a f, vecchia mia cara,
s'io nun mme scarfo manco 'mbracci'a te?"
Povera vecchia mia, mme fa paura,
n'ombra ca se move attuorno a me.

Vierno,
che friddo 'int'a stu core
e sola tu,
ca lle pu' d calore.
Te staje luntana e nun te faje ved'.
Te staje luntana e nun te cure 'e me.

Te staje luntana e nun te faje ved'.
Te staje luntana e nun te cure 'e me.

Italiano corrente


inverno e piove, piove da una settimana
e quest'acqua molto pi triste mi lascia.
Che freddo, quando sera che mi assale
con quest'aria e neve, ora che manchi tu.
Questa febbre, che neanche lei mi abbandona,
questa febbre, da addosso no si leva pi.

Inverno,
che freddo in questo cuore
e solo tu,
che pu dargli calore.
Te ne stai lontana e non ti fai vedere.
Te ne stai lontana e non ti curi di me.

Qua mamma accende il fuoco tutte le sere
dentro questa cameretta fredda e amara.
"Ma cosa l'accendi a fare, vecchia mia cara,
se io non mi riscaldo neanche in braccio a te?"
Povera vecchia mia, mi fa paura,
un'ombra che si muove attorno a me.

Inverno,
che freddo in questo cuore
e solo tu,
che pu dargli calore.
Te ne stai lontana e non ti fai vedere.
Te ne stai lontana e non ti curi di me.

Te ne stai lontana e non ti fai vedere.
Te ne stai lontana e non ti curi di me.