Vent'anni

( Canta: Luciano Tajoli )
( Autori: Carrell - Covini - 1952 )

 

Originale


C'è scritto sui cancelli di una villa,
coi raggi inargentati della luna:
"Si vive senza pena e senza affanni,
ingresso riservato a chi ha vent'anni"
In quella villa che ha nome "Gioventù"
tra tante primavere c'eri tu.

Vent'anni, quante speranze vane!
Vent'anni, quanti ricordi in cuor!
Felicità che brama dalla vita
soltanto un pò di gioia e un pò d'amor.
E penso ancora a te, bimba, che sei
il più bel sogno dei vent'anni miei.

Il vento dei vent'anni è ormai passato,
tu mi lasciasti triste, solo, un giorno.
In quella villa non t'ho più trovata
e invano ho atteso ancora il tuo ritorno.
Triste la luna mi dice di lassù:
"Vent'anni è un sogno che non torna più"

Vent'anni, quante speranze!
Vent'anni, quanti ricordi!
Vorrei tenerti ancor fra le mie braccia,
appassionatamente come allor.
Ma tu, tu che non torni, dove sei,
o dolce sogno dei vent'anni miei?

Vent'anni, quante speranze in cuor!

     
 

Musica Italiana Copyright 2006-2017 "Pino Ulivi". Progetto, contenuto y pubblicazione da parte de "Leo Caracciolo"

Le canzoni in italiano sono dei loro rispettivi autori.