Vaghissima sembianza

( Canta: il tenore Enrico Caruso )
( Autore: Stefano Donaudy - 1918 )

Ascolta tutte le canzoni di Enrico Caruso

  • Vaghissima sembianza - Enrico Caruso

 

Originale


Vaghissima sembianza
d'antica donna amata,
chi, dunque, v'ha ritratta
con tanta simiglianza
ch'io guardo, e parlo,
e credo d'avervi
a me davanti
come ai bei dì d'amor?

La cara rimembranza
che in cor mi s'è destata
sì ardente, v'ha già fatta
rinascer la speranza
che un bacio, un voto,
un grido d'amore,
più non chiedo che a lei
che muta è ognor.

Non chiedo,
non chiedo che a lei,
che a lei,
che muta è ognor!