Te c'hanno mai mannato

( Canta: Alberto Sordi )
( Autore: Alberto Sordi - 1964 )

Ascolta tutte le canzoni di Alberto Sordi

  • Te c'hanno mai mannato - Alberto Sordi

 

Originale


Ah, ah, ah.....

Me sarò chiesto cento, mille volte,
io che nun so né re, né imperatore,
che ho fatto pe' trovamme 'sta regina,
ner letto, fra le braccia,
in fonno ar core?
E datosi che sei così preziosa
stasera io te vojo di' 'na cosa.

Te c'hanno mai mannato
a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta!
Er Primo Cittadino è amico mio,
tu dije che te c'ho mannato io.

E va, e va,
va avanti tu
che adesso c'ho da fa'.
Sarai la mia metà
ma si nun parti,
diventi n'artro po'
la mia tre quarti.

E va, e va,
nun poi sape' er piacere che me fa',
magari quarche amico te consola
così tu fai la scarpa e lui te sola.
Io te ce manno Lola,
io te ce manno Lola,
sola, senza de me.

Già che ce so'
me levo st'artro peso,
co' tte, che fai er capoccia
e stai più su.
Te sei allargato troppo,
senti, 'a coso,
mica t'offenni se te do' der tu?

Te c'hanno mai mannato
a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta!
A tte, te danno la medaja d'oro
e noi te ce mannamo tutti in coro.

E va, e va,
chi va co' la corente e' 'n baccalà,
io so' salmone
e nun me importa niente,
a me, me piace anna'
contro corente.

E va, e va,
che più sei grosso
e più ce devi anna',
e t'aritroverai ner posto giusto
e prima o poi, vedrai,
ce provi gusto.
Solo scherzando, gusto,
solo cantando, gusto,
solo a scherza', pardon.

Ma quanno la matina
sto allo specchio,
c'e' un fatto
che me butta giù er morale,
io m'aritrovo sempre
ar gabbinetto
e ma ricanto addosso 'sto finale.

Te c'hanno mai mannato
a quer paese?
Sapessi quanta gente che ce sta!
Cosi' che mm'encoraggio e me consolo
cor fatto de mannammece da solo.

E va, e va,
e spiccete che là,
ce devi anna'.
Tanto si tt'annisconni
dietro a 'n'vetro,
'na mano c'hai davanti
e n'artra dietro

E va, e va,
è inutile che stamo a litiga',
tenemose abbracciati, stretti stretti,
che tanto prima o poi c'annamo tutti
a quer paese, tutti,
a quer paese, tutti,
a quer paese, tutti.

Aho', ma tu che fai, nun venghi?
Chi è, aho', e come, nun vengo?
Pe' forza!
A quer paese, tutti,
a quer paese, tutti,
a quer paese là!

Italiano corrente


Ah, ah, ah.....

Mi sarò chiesto cento, mille volte,
io che non sono né re, né imperatore,
cosa ho fatto per trovarmi questa regina,
nel letto, fra le braccia,
in fondo al cuore?
E dato che sei così preziosa
stasera io ti voglio dire una cosa.

Ti ci hanno mai mandato
a quel paese?
Sapessi quanta gente che ci sta!
Il Primo Cittadino è amico mio,
tu digli che ti ci ho mandato io.

E va, e va,
vai avanti tu
che adesso ho da fare.
Sarai la mia metà
ma se non parti,
diventi tra poco
la mia tre quarti.

E va, e va,
non puoi sapere il piacere che mi fa',
magari qualche amico ti consola
così tu fai la scarpa e lui ti suola.
Io ti ci mando Lola,
io ti ci mando Lola,
sola, senza di me.

Già che ci sono
mi levo quest'altro peso,
con te, che fai il capoccia
e stai più in su.
Ti sei allargato troppo,
senti, coso,
mica ti offendi se ti do' del tu?

Ti ci hanno mai mandato
a quel paese?
Sapessi quanta gente che ci sta!
A te, ti danno la medaglia d'oro
e noi ti ci mandiamo tutti in coro.

E va, e va,
chi va con la corrente è un baccalà,
io sono salmone
e non mi importa niente,
a me, piace andare
contro corrente.

E va, e va,
che più sei grosso
e più ci devi andare,
e ti ritroverai nel posto giusto
e prima o poi, vedrai,
ci provi gusto.
Solo scherzando, gusto,
solo cantando, gusto,
solo a scherzare, scusa.

Ma quando la mattina
sono allo specchio,
c'è un fatto
che mi butta giù il morale,
io mi ritrovo sempre
al gabinetto
e me lo ricanto addosso questo finale.

Ti ci hanno mai mandato
a quel paese?
Sapessi quanta gente che ci sta!
Cosìcche m'incoraggio e mi consolo
col fatto di mandarmici da solo.

E va, e va,
e spicciati che là,
ci devi andare.
Tanto se ti nascondi
dietro a un vetro,
una mano hai davanti
e un'altra dietro

E va, e va,
è inutile che stiamo a litigare,
teniamoci abbracciati, stretti stretti,
che tanto prima o poi ci andiamo tutti
a quel paese, tutti,
a quel paese, tutti,
a quel paese, tutti.

Oi, ma tu che fai, non vieni?
Chi è, oh, e come, non vengo?
Per forza!
A quel paese, tutti,
a quel paese, tutti,
a quel paese là!