Suspiranno 'na canzone

( Canta: Fausto Cigliano )
( Autori: E. De Mura - R. Ruocco - 1956 )

Ascolta tutte le canzoni di Fausto Cigliano

  • Suspiranno 'na canzone - Fausto Cigliano

 

Originale


Mo lùceno, pe' me, stelle a migliare,
'e stelle cchiù lucente 'e tutt' 'e ssere,
e porto nu mistero dint' 'o core
'mpastato 'e sciure, lacreme e suspire.
Mo lùceno, pe' me, stelle a migliare.

Mme ne vogl' í pe' viche e vecarielle,
suspiranno na canzone cu 'o mandulino.
S' arápeno feneste e fenestelle
e s' affaccia chi durmeva a suonno chino.

Chi allucca e chi mme dice:
"'A vuó' ferní!
Guaglió', mannaggia,
ccá s' ha da durmí!"

Mme perdunate, amice,
ma v'aggi' 'a fá sapé
ca i' sóngo assaje felice
e ca nisciuno è cchiù felice 'e me.

Amice, chiaro e tunno
i' mo ve ll'aggi' 'a dí,
ca femmena cchiù bella 'e tutt' 'o munno,
mm' ha ditte "sí".

Lle sóngo state attuorno ciento amante,
ll' hanno fatto vedé, comm' 'int' 'e cunte,
palazze d'oro e perle 'e ll'Oriente.
Ca mme vò' bene, nun se só' cunvinte.
Lle sóngo state attuorno ciente amante.

Mme ne vogl' í pe' viche e vecarielle,
suspiranno na canzone cu 'o mandulino.
S' arápeno feneste e fenestelle
e s'affaccia chi durmeva a suonno chino.

Chi allucca e chi mme dice:
"'A vuó' ferní!
Guaglió', mannaggia,
ccá s' ha da durmí!"

Mme perdunate, amice,
ma v'aggi' 'a fá sapé
ca i' sóngo assaje felice
e ca nisciuno è cchiù felice 'e me.

Amice, chiaro e tunno
i' mo ve ll'aggi' 'a dí,
ca femmena cchiù bella 'e tutt' 'o munno,
mm' ha ditte "sí".

Chi allucca e chi mme dice:
"'A vuó' ferní!
Guaglió', mannaggia,
ccá s'ha da durmí!"

Italiano corrente


Ora brillano per me, stelle a migliaia,
le stelle più lucenti di tutte le sere,
e porto un mistero dentro al cuore
impastato di fiori, lacrime e sospiri.
Ora brillano per me, stelle a migliaia.

Me ne voglio andare per vicoli e vicoletti,
sospirando una canzone con il mandolino.
Si aprono finestre e finestrelle
e si affaccia chi dormiva un sonno pesante.

Chi grida e chi mi dice:
"'La vuoi finire!
Ragazzo, mannaggia,
quì si deve dormire!"

Perdonatemi, amici,
ma voglio che sappiate
che io sono tanto felice
e che nessuno è più felice di me.

Amici, chiaro e tondo
ora vi debbo dire,
che la donna più bella di tutto il mondo,
mi ha detto "sí".

Le sono stati attorno cento amanti,
le hanno fatto vedere, come nei racconti,
palazzi d'oro e perle d'Oriente.
Che mi vuol bene, non si sono convinti.
Le sono stati attorno cento amanti.

Me ne voglio andare per vicoli e vicoletti,
sospirando una canzone con il mandolino.
Si aprono finestre e foinestrelle
e si affaccia chi dormiva un sonno pesante.

Chi grida e chi mi dice:
"'La vuoi finire!
Ragazzo, mannaggia,
quì si deve dormire!"

Perdonatemi, amici,
ma voglio che sappiate
che io sono tanto felice
e che nessuno è più felice di me.

Amici, chiaro e tondo
ora vi debbo dire,
che la donna più bella di tutto il mondo,
mi ha detto "sí".

Chi grida e chi mi dice:
"'La vuoi finire!
Ragazzo, mannaggia,
quì si deve dormire!"