Roma capoccia

( Canta: Antonello Venditti )
( Autore: Antonello Venditti - 1972 )

Ascolta tutte le canzoni di Antonello Venditti

  • Roma capoccia - Antonello Venditti

 

Originale


Quanto sei bella Roma
quann'è sera,
quanno la luna se specchia
dentro ar Fontanone
e le coppiette se ne vanno via.
Quanto sei bella Roma
quanno piove!

Quanto sei grande Roma
quann' è er tramonto,
quanno l'arancia rosseggia
ancora sui sette colli
e le finestre so' tanti occhi
che te sembrano di':
Quanto sei bella!
Quanto sei bella!

Oggi me sembra che
er tempo se sia fermato qui.
Vedo la maestà der Colosseo,
vedo la santità der Cupolone,
e so' più vivo,
e so' più bbono.
No, nun te lasso mai,
Roma capoccia
der mondo infame.

Roma capoccia
der mondo infame.

Na carrozzella va
co' du' stranieri,
un rubivecchi te chiede
un po' de stracci,
li passeracci so' usignoli.
Io ce so' nato Roma,
io t'ho scoperta stamattina,
io t'ho scoperta.

Oggi me sembra che
er tempo se sia fermato qui.
Vedo la maestà der Colosseo,
vedo la santità der Cupolone,
e so' più vivo,
e so' più bbono.
No, nun te lasso mai,
Roma capoccia
der mondo infame.

Roma capoccia
der mondo infame!

Italiano corrente


Quanto sei bella Roma
quando è sera,
quando la luna si specchia
dentro al Fontanone
e le coppiette se ne vanno via.
Quanto sei bella Roma
quando piove!

Quanto sei grande Roma
quando è il tramonto,
quando l'arancia rosseggia
ancora sui sette colli
e le finestre son tanti occhi
che ti sembrano dire:
Quanto sei bella!
Quanto sei bella!

Oggi mi sembra che
il tempo si sia fermato qui.
Vedo la maestà del Colosseo,
vedo la santità del Cupolone,
e sono più vivo,
e sono più buono.
No, non ti lascio mai,
Roma capoccia
del mondo infame.

Roma capoccia
del mondo infame.

Una carrozzella va
con due stranieri,
un robivecchi ti chiede
un pò di stracci,
i passeri sono usignoli.
Io ci sono' nato Roma,
io t'ho scoperta stamattina,
io t'ho scoperta.

Oggi mi sembra che
il tempo si sia fermato qui.
Vedo la maestà del Colosseo,
vedo la santità del Cupolone,
e sono più vivo,
e sono più buono.
No, non ti lascio mai,
Roma capoccia
del mondo infame.

Roma capoccia
del mondo infame!