Nustalgia de Milan

( Canta: Alberto Rabagliati )
( Autori: A. Bracchi - G. D'Anzi - 1944 )

Ascolta tutte le canzoni di Alberto Rabagliati

  • Nustalgia de Milan - Alberto Rabagliati

 

Originale


Stasera sunt in vena
de fa el sentimental,
la ntt l' insc serena
ma mi me senti mal.

Te scrivi, cara mama,
sun stuff de rest ch,
el me Milan el me ciama
visin a ti.

O mama mia,
mi sun luntan,
ma g'hoo la nostalgia
del m Milan.

Mi vuraria
turn duman,
t'el giuri, curaria
cunt' el coeur in di man.

Ved la Madunina,
sent 'l m bel dialett,
sveliass una mattina
in del m lett.

O mama mia,
insc luntan,
t'el giuri, piangiaria
pur de vess a Milan.

La par 'na stupidada,
se pensi ai m bastiun
ma foo 'na sifolada
per casci gi el magun.

E quand ven gi la sera
rivedi i bei tusann,
rivedi la ringhera
di m vint'ann.

Oh mama, mama mia bela l,
mi sun tant distant de ti,
e pensi sempre al m bel Milan,
al noster bel Milan

Ved la Madunina,
sent el m bel dialett,
sveliass una matina
in del me lett.

Mameta bela,
mi turneru
e semper in sul coeur
te stringeru!

Italiano corrente


Stasera sono in vena
di fare il sentimentale,
la notte cos serena
per mi sento male.

Ti scrivo, cara mamma,
sono stanco di restare qui,
la mia Milano mi chiama
vicino a te.

Oh mama mia,
io sono lontano,
ma ho la nostalgia
della mia Milano.

Io vorrei
tornare domani,
te lo giuro, correrei
con il cuore nelle mani.

Vedere la Madonnina,
udire il mio bel dialetto,
svegliarsi una mattina
nel mio letto.

Oh mamma mia,
cos lontano,
te lo giuro, piangerei
pur di essere a Milano.

Sembra una stupidata,
se penso ai miei bastioni
mi faccio una fischiata
per cacciare gi il magone.

E quando scende la sera
rivedo le belle ragazze,
rivedo il ballatoio
de miei vent'anni.

Oh mamma, mamma mia bela l,
sono tanto lontano da te,
e penso sempre alla mia bella Milano,
alla nostra bella Milano.

Vedere la Madonnina,
udire il mio bel dialetto,
svegliarsi una mattina
nel mio letto.

Mammina bella,
io torner
e sempre sul cuore
ti stringer!