Non canta più Firenze

( Canta: Carlo Buti )
( Autore: Cesare Cesarini - 1948 )

Ascolta tutte le canzoni di Carlo Buti

  • Non canta più Firenze - Carlo Buti

 

Originale


Ti vedo ancora in sogno Firenze mia,
la tua bellezza parla di poesia,
ma un triste giorno, il furore
dell'invasore si scagliò su te.

No, non canta più Firenze
le sue canzoni e i suoi stornelli d'or,
ma, pervasa dal terrore,
il labbro resta muto, soffocato il cuor.

Un usignolo,
lontano,
gorgheggia pian, piano.
Sembra dire ad ogni cuor:

No, non canta più Firenze
le sue canzoni e i suoi stornelli d'or,
già la guerra, come folgore,
selvaggiamente, su di lei passò.

Se guardo dal Lungarno, Firenze mia,
sento una stretta in cuore, malinconia.
Dal Ponte Vecchio incantato,
tutto è crollato. Che malvagità!

Giotto, Michelangelo, Cellini, Donatello.
Povera Firenze!
Non ha rintocchi il Bargello,
risveglio più bello che ogni artista inciterà.

Si, ricanterà Firenze
le sue canzoni e i suoi stornelli d'or
e, al par di una stella
gloriosa e bella, risorgerà!