Lo Guarracino

( Canta: Roberto Murolo )
( Autore: Anonimo - 1768 )

Ascolta tutte le canzoni di Roberto Murolo

  • Lo Guarracino - Roberto Murolo

 

Originale


Lo Guarracino che jeva pe mare
le venne voglia de se 'nzorare.
Se facette no bello vestito
de scarde de spine pulito pulito,
cu na perucca tutta 'ngrifata
de ziarelle 'mbrasciolata,
co lo sciabò, scolla e puzine
de ponte angrese fine fine.

Cu li cazune de rezze de funno,
scarpe e cazette de pelle de tunno,
e sciammeria e sciammereino
d'aleche e pile de voje marino,
co buttune e bottunera
d'uocchie de purpe, secce e fera,
fibbia, spata e schiocche 'ndorate
de niro de secce e fele d'achiate.

Doje belle cateniglie
de premmone de conchiglie,
no cappiello aggallonato
de codarino d'aluzzo salato,
tutto posema e steratiello
ieva facenno lo sbalantieílo
e gerava da ccà e da llà
la 'nnammorata pe se trovà!

La Sardella a lo barcone
steva sonanno lo calascione;
e a suono de trommetta
ieva cantanno st'arietta:
"E llarè o marelena
e la figlia da sià Lena
ha lasciato lo nnamorato
pecchè niente l ha rialato".

Lo Guarracino 'nche la guardaje
de la Sardella se 'nnamoraje;
se ne jette da na Vavosa,
la cchiù vecchia maleziosa;
l'ebbe bona rialata
pe mannarle la mmasciata.
La Vavosa pisse pisse
chiatto e tunno nce lo disse.

La Sardella 'nch'a sentette
rossa rossa se facette,
pe lo scuorno che se pigliaje
sotto a no scuoglio se 'mpizzaje.
Ma la vecchia de vava Alosa
sabeto disse: Ah schefenzosa,
de sta manera non truove partito
'ncanna te resta lo marito!

Se aje voglia de t'allocà
tanta smorfie nonaje da fa,
fora le zeze e fora lo scuorno,
anema e core e faccia de cuorno!
Ciò sentenno la sià Sardella
s'affacciaje a la fenestrella,
fece n'uocchio a zennariello
a lo speruto 'nnammoratiello.

Ma la Patella, che steva de posta,
la chiammaje faccia tosta,
tradetora, sbrevognata,
senza parola, male nata,
ch'avea 'nchiantato l'Alletterato
primmo e antico 'nnamorato.
De carrera da chisto jette
e ogne cosa 'lle dicette.

Quanno lo 'ntise lo poveriello
se lo pigliaje Farfariello.
Jette a la casa e s'armaje e rasulo,
se carrecaje comm'a no mulo
de scopette e de spingarde,
povere, palle, stoppa e scarde.
Quattro pistole e tre bajonette
dint'a la sacca se mettette.

'Ncopp'a li spalle sittanta pistune,
ottanta mbomme e novanta cannune;
e comm'a guappo Pallarino
jeva trovanno lo Guarracino
e la disgrazia a chisto portaje
che mmiezo a la chiazza te lo 'ncontraje.
Se l'afferra po crovattino
e po lle dice: Ah malandrino!

Tu me lieve la 'nnammorata
e pigliatella sta mazziata!
Tuffete e taffete a meliune
le deva paccare e secuzzune,
schiaffe, ponie e perepesse,
scoppolune, fecozze e conesse,
scerevecchiune e sicutennosse
e ll'ammacca osse e pilosse.

Venimmoncenne ch'a lo rommore
pariente e amice ascettero fore,
chi co mazze, cortielle e cortelle,
chi co spate, spatune e spatelle.
Chiste co barre e chille co spite,
chi co ammennole e chi co antrite,
chi co tenaglie e chi co martielle,
chi co torrone e sosamielle.

Patre, figlie, marite e mogliere
s'azzuffajeno comm'a fere.
A meliune correvano a strisce
de sto partito e de chillo li pisce.
Che bediste de sarde e d'alose
de palaje e raje petrose,
sarache, dientece ed achiate,
scurme, tunne e alletterate!

Pisce palumme e pescatrice,
scuorfene, cernie e alice,
mucchie, ricciole, musdee e mazzune,
stelle, aluzze e storiune,
merluzze, ruongole e murene,
capodoglie, orche e vallene,
capitune, auglie e arenghe,
ciefere, cuocce, traccene e tenghe.

Treglie, tremmole, trotte e tunne,
fiche, cepolle, laune e retunne,
purpe, secce e calamare,
pisce spate e stelle de mare,
pisce palumme e pisce prattielle,
voccadoro e cecenielle,
capochiuove e guarracine,
cannolicchie, ostreche e ancine

Vongole, cocciole e patelle,
pisce cane e grancetielle,
marvizze, marmure e vavose,
vope prene, vedove e spose,
spinole, spuonole, sierpe e sarpe,
scauze, nzuoccole e co le scarpe,
sconciglie, gammere e ragoste,
vennero nfino co le poste!

Capitune, saure e anguille,
pisce gruosse e piccerille,
d'ogni ceto e nazione,
tantille, tante, cchiu tante e tantone!
Quanta botte, mamma mia,
che se devano, arrassosia!
A centenare le barrate!
A meliune le petrate!

Muorze e pizzeche a beliune,
a delluvio li secozzune!
Non ve dico che bivo fuoco
se faceva per ogne luoco!
Ttè, ttè, ttè, ccà pistulate!
Ttà, ttà, ttà, là scoppettate!
Ttù, ttù, ttù, ccà li pistune!
Bu, bu, bu, llà li cannune!

Ma de cantà so già stracquato
e me manca mo lo sciato;
sicchè dateme licienzia,
graziosa e bella audenzia,
che sorchio na meza de seje,
co salute de luje e de leje,
ca se secca lo cannarone
sbacantànnose lo premmone!

Italiano corrente


Il guarracino che andava per mare
gli venne voglia di sposarsi.
Si mise un bel vestito
di squame e di spine, pulito pulito,
con una parrucca tutta imbottita
di nastrini arrotolati,
con il colletto, il fazzoletto di gola e polsini
di punto inglese, fino fino.

Con i calzoni di rete di fondo,
scarpe e calzini di pelle di tonno
e marsina con la coda
di alghe e peli di bue marino,
con bottoni e bottoniera
di occhi di polipo, seppie e femmine di delfino,
fibbia, spada e ciocche indorate
di nero di seppia e fiele di occhiata,

Due belle catenine
di polmone di conchiglie,
un cappello con galloni
di codino di sfirena salata,
tutto inamidato e stirato,
andava facendo il vanitoso
e girava di quà e di  là
per trovarsi la fidanzata.

La Sardella al balcone
stava suonando il liuto
e a voce alta
cantava questa arietta:
"E llarè o marelena
e la figlia della signora Lena
ha lasciato il fidanzato
perchè niente le ha regalato".

Il guarracino che la guardò,
della sardella si innammorò,
se ne andò da una Bavosa,
la più vecchia e maliziosa,
le diede una bella mancia
per mandarle un messaggio.
La bavosa,  senza mezzi termini,
chiaro e tondo glielo disse.

La sardella che la sentì
si fece rossa rossa,
per la vergogna che la prese
sotto uno scoglio si infilò.
Ma la vecchia Bavosa
subito disse: Ah schizzinosa,
in questa maniera non trovi un partito
ed in gola ti resta il marito!

Se hai voglia di accasarti,
tante smorfie non devi fare,
fuori le grazie e via la vergogna,
anima e cuore, e faccia tosta!
Ciò sentendo, la signora Sardella
s'affacciò alla finestrella,
fece gli occhi dolci
all'ingolosito innamoratello.

Ma la Vongola, che stava appostata,
la chiamò faccia tosta,
traditrice, svergognata,
senza parola e malnata,
perché aveva piantato l'Alletterato,
primo e antico fidanzato.
Di carriera da questo andò
e ogni cosa gli disse.

Quando la sentì il poveretto
fu assalito dal diavoletto.
Andò a casa e s'armò di rasoio,
si caricò come un mulo
di schioppi e di spingarde,
polvere da sparo, palle, stoppini e scaglie.
Quattro pistole e tre baionette
in tasca si mise.

Sulle spalle settanta colubrine,
ottanta bombe e novanta cannoni
e come un Guappo Paladino
andava cercando il Guarracino
che fu sfortunato
perchè in mezzo alla piazza lo incontrò.
Lo afferra per il cravattino
e poi gli dice: Ah malandrino!

Tu mi rubi la fidanzata
e prenditi questa bastonata!
Tuffete e taffete a milioni
gli dava ceffoni e pugni sotto il mento,
schiaffi, pugni e percosse,
scappellotti,  botte e pugni alla mascella,
scapaccioni e pugni in faccia
e gli pesta ossa e cartilagini.

E vediamo che al rumore
parenti ed amici uscirono fuori,
chi con mazze, coltelli e coltellini
chi con spade spadoni e spadini.
Questi con sbarre, quelli con spiedi,
chi con mandorle e chi con nocciole,
chi con tenaglie e chi con martelli,
chi con torroni e dolci natalizi.!

Padri, figli, mariti e mogli
si azzuffarono come belve.
A milioni accorrevano, a frotte,
pesci di questo o quel partito.
Quante ne vedesti di sarde e di seppie,
di sogliole e e raje pietrose,
saraghi, dentici ed occhiate,
sgombri, tonni ed alletterati!

Pesci palombo e pescatrici,
scorfani, cernie ed alici,
mucchie, ricciole, musdee e mazzoni,
stelle, sirene e storioni,
merluzzi, gronghi e murene,
capodogli, orche e balene,
capitoni, aguglie e aringhe,
cefali, cocci, tracine e tinche.

Triglie, torpedini, trote e tonni,
fiche, cipolle, laune e smaris,
polipi,  seppie e calamari,
pesci spada e stelle di mare,
pesci palombo e pesci martello,
ombrine e cecenielli,
capochiodi e guarracini,
cannolicchi, ostriche e ricci di mare.

Vongole, conchiglie e vongoline,
pescecani e granchietti,
tordi, pagelli e bavose,
boghe gravide, vedove e spose,
spinole, spondili, serpi e sarpe,
scalzi, con gli zoccoli o con le scarpe,
paguri, gamberi e aragoste
vennero perfino con le diligenze!

Capitoni, sauri ed anguille,
pesci grandi e piccini,
di ogni ceto e nazione,
pochi, tanti, più di tanti e tantissimi!
Quante botte, mamma mia,
che si davano alla cieca!
A centinaia le barrate!
A milioni le pietrate!

Morsi e pizzichi a miliardi,
a diluvio i pugni!
Non vi dico che fuoco vivo
si faceva in ogni luogo!
Te, te, te, quà pistolettate!
Ta, ta, ta, là schioppettate
Tu, tu, tu, quà le colubrine!
Bu, bu, bu, là i cannoni!

Ma di cantare sono già stanco
e mi manca il fiato,
perciò datemi licenza,
grazioso e bel pubblico.
che voglio bere qualche bicchiere di vino
alla salute di lui e di lei,
se no mi si secca il gargarozzo
e mi si svuota il polmone!

     
 

Musica Italiana Copyright 2006-2017 "Pino Ulivi". Progetto, contenuto y pubblicazione da parte de "Leo Caracciolo"

Le canzoni in italiano sono dei loro rispettivi autori.