L'hai voluto te

( Canta: Renato Carosone )
( Autori: R. Tassi - Sarra - 1957 )

Ascolta tutte le canzoni di Renato Carosone

  • L'hai voluto te - Renato Carosone

 

Originale


Canta Napoli!
Napoli a dispetto!
Eh! Eh!

Si' me vid'e suspira' che te po' 'mpurta',
non sospiro mai per te, penso solo a me.
M'hai mandato un bel biglietto,
nel biglietto c'era scritto:
"Io me so' scucciato 'e te',
nun te voglio più vede'".

E allo',
e... e... e...uei!
E allora,
con la bionda e con la nera,
ogni sera, ogni sera
me ne vado a passeggiar.

Alla faccia tua!
No, alla faccia tua!
Alla faccia tua!
No, no, no, no,
alla faccia vostra!

Con la bionda e con la nera
me ne vado a passeggia'.
Embe', embe',
l'hai voluto te!
Essì, essì,
t'aggia fa' muri', sì, sì.

Mi dicevi: "Ué, Nico', non ti lascerò!"
Tutto 'nzieme, nè che re'?
Tu ti stufi 'e me e mi mandi il mio ritratto
dietro il quale trovo scritto:
"Addo vaje, brutto, bru'?
Nun ti far vedere più!"

Alla faccia tua!
No, alla faccia tua!
Alla faccia tua!
No, alla faccia vostra!
Con la bionda e con la nera
me ne vado al cinemà.

Sì, me ne vado al cinemà, al cabaret.
Dove vuoi andare tu?
A casa devi rimanere!
Come? Vuoi andare al casinò?
No, io vado al casinò a giocare
lo scemente di ferro.

Eh, eh, mi fai ridere!
Tu me fai muri' a me?
Tu me fai muri' a me?
Tu me fai muri' a me?
No, io te faccio muri' a te!

E allora, con la bionda e con la nera,
ogni sera, ogni sera
me ne vado al cabaret,
me ne vado al cinemà
e poi vado a passeggia',
e poi vado a fatica'.

Nè, ma a me chi m'o ffa fa'?
Io mi faccio un baccarà
dentro al casinò.
E mò sapite che aite a fa'?
Jateve a cucca'!!

Italiano corrente


Canta Napoli!
Napoli a dispetto!
Eh! Eh!

Se mi vedi sospirare non ti devi preoccupare,
non sospiro mai per te, penso solo a me.
M'hai mandato un bel biglietto,
nel biglietto c'era scritto:
"Io mi sono stancato di te,
non voglio più vederti'".

E allora,
e... e... e...ei!
E allora,
con la bionda e con la nera,
ogni sera, ogni sera
me ne vado a passeggiare.

Alla faccia tua!
No, alla faccia tua!
Alla faccia tua!
No, no, no, no,
alla faccia vostra!

Con la bionda e con la nera
me ne vado a passeggiare.
Embe', embe',
l'hai voluto te!
E sì, e sì,
ti devo far morire, sì, sì.

Mi dicevi: "Ei Nicola', non ti lascerò!"
Tutto in una volta, ei che significa?
Tu ti stanchi di me e mi mandi il mio ritratto
dietro il quale trovo scritto:
"Dove vai, brutto, brutto?
Nun ti far vedere più!"

Alla faccia tua!
No, alla faccia tua!
Alla faccia tua!
No, alla faccia vostra!
Con la bionda e con la nera
me ne vado al cinema.

Sì, me ne vado al cinema, al cabaret.
Dove vuoi andare tu?
A casa devi rimanere!
Come? Vuoi andare al casinò?
No, io vado al casinò a giocare
il "chemin de fer".

Eh, eh, mi fai ridere!
Tu mi fai morire?
Tu mi fai morire?
Tu mi fai morire?
No, io ti faccio morire!

E allora, con la bionda e con la nera,
ogni sera, ogni sera
me ne vado al cabaret,
me ne vado al cinema
e poi vado a passeggiare,
e poi vado a lavorare.

Ei, ma chi me lo fa fare?
Io mi faccio un baccarà
dentro al casinò.
E adesso sapete cosa dovete fare?
Andatevene a dormire!!