Evviva la Torre di Pisa

( Canta: Mario Latilla )
( Autori: Casiroli - Rastelli - 1939 )

  • Evviva la Torre di Pisa - Mario Latilla

 

Originale


Cade la mela dal melo,
la pera dal pero Ŕ costretta a cascar.
Cade la pioggia dal cielo,
cadono gli uomini in mar.

Ieri un magnifico vaso
mi cadde sul naso dal decimo pian,
e con un dolce sorriso
mi misi allora a cantar:

Evviva la Torre di Pisa
che pende, che pende
ma sempre sta su.

Evviva la Torre di Pisa
che pende, che pende
e mai non vien gi˙.

Se tu verrai con me Maria Luisa,
la guarderai, e poi esclamerai:
"Mamma mia che effetto mi fa!"

Evviva la Torre di Pisa
che pende, che pende
e mai non cadrÓ.

Quando la vedi ai tuoi occhi non credi
e una grande paura ti fa.
Ma come fa a stare in piedi?
Meglio tirarsi pi˙ in lß.

Dopo s'infilan le scale, si sale,
si sale, e lei pende di pi˙.
Senti la testa girare
mentre ripeti anche tu:

Evviva la Torre di Pisa
che pende, che pende
ma sempre sta su.

Evviva la Torre di Pisa
che pende, che pende
e mai non vien gi˙.

Se tu verrai con me Maria Luisa,
la guarderai, e poi esclamerai:
"Mamma mia che effetto mi fa!"

Evviva la Torre di Pisa
che pende, che pende
e mai non cadrÓ.

Se tu verrai con me Maria Luisa,
la guarderai, e poi esclamerai:
"Mamma mia che effetto mi fa!"

Evviva la Torre di Pisa
che pende, che pende
e mai non cadrÓ.