Dove sta Zazá

( Canta: Aurelio Fierro )
( Autori: R. Cutolo - G. Cioffi - 1946 )

Ascolta tutte le canzoni di Aurelio Fierro

  • Dove sta Zazá - Aurelio Fierro

 

Originale


Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via,
con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passeggiá.

C'era la banda di Pignataro
che suonava il "Parsifallo",
il maestro, sul piedistallo
ci faceva deliziá.

Nel momento culminante
del finale travolgente,
'mmiez'a tutta chella gente,
se fumarono a Zazá!

Dove sta Zazá?
Uh, Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia.

Pare, pare, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá
ca mm' 'a purtasse a me.

Jámmola a truvá,
sů, facciamo presto.
Jámmola a truvá
con la banda in testa.

Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
tuttuquante aîmm' 'a strillá:

Zazá, Zazá,
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá!
Isaia sta ccá! Zazá!

Zazá, Zazá
za-za-za-za
comm'aggi 'a fá pe' te truvá?
I', senza te, nun pozzo stá.

Zazá, Zazá,
za-za
za-za.
Za-za-ra-ra-ta-ra-ra.

Era la festa di San Gennaro,
ll'anno appresso cante e suone,
bancarelle e prucessione,
chi se pň dimenticá.

C'era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di nocelle
che facevano 'ncantá.

Come allora quel viavai,
ritornň per quella via.
Ritornň pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá.

Dove sta Zazá?
Uh! Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia.

Pare, pare, Zazá
che t'ho perduta, ahimé!
Chi ha truvato a Zazá,
ca mm' 'a purtasse a me.

Se non troverň,
lei ch'č tanto bella,
mm'accontenterň
'e trová 'a sorella.

T'amerň,
t'amerň, t'amerň,
pure a lei glielo dirň
che t'amerň.

T'amerň, Zazá!
T'amerň, Zazá!
T'amerň, Zazá!
Zazá!

Zazá, Zazá,
za-za-za-za
che t'amerň ll'aggi' 'a cuntá.
Con tua sorella aggi' 'a sfugá.

Zazá, Zazá,
za-za
za-za...
Za-za-ra-ra-ta-ra-ra.

Italiano corrente


Era la festa di San Gennaro,
quanta folla per la via,
con Zazá, compagna mia,
me ne andai a passaggiare.

C'era la banda di Pignataro
che suonava il "Parsifal"
e il maestro, sul piedistallo,
ci faceva deliziare.

Nel momento culminante
del finale travolgente,
in mezzo a tutta quella gente,
rapirono Zazá!

Dove sta Zazá?
Uh, Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia.

Sembra, sembra, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé!
Chi ha trovato a Zazá
che la riportasse a me.

Andiamola a cercare
sů, facciamo presto.
Andiamole incontro
con la banda in testa.

Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
Uh, Zazá!
tutti quanti dobbiamo strillare:

Zazá, Zazá,
Isaia č qui!
Isaia č qui!
Isaia č qui! Zazá!

Zazá, Zazá,
za-za-za-za,
Come devo fare per trovarti.
Io senza di te non posso stare.

Zazá, Zazá,
za-za
za-za
Za-za-ra-ra-ta-ra-ra.

Era la festa di San Gennaro,
l'anno seguente canti e suoni,
bancarelle e processione,
chi si puň dimenticare!

C'era la banda di Pignataro,
centinaia di bancarelle
di torrone e di noccioline
che facevano incantare.

Come allora quel viavai,
ritornň per quella via.
Ritornň pure Isaia,
sempre in cerca di Zazá.

Dove sta Zazá?
Uh! Madonna mia.
Come fa Zazá,
senza Isaia.

Sembra, sembra, Zazá,
che t'ho perduta, ahimé!
Chi ha trovato a Zazá,
che la riportasse a me.

Se non troverň,
lei ch'č tanto bella,
mi accontenterň
di trovare la sorella.

T'amerň,
t'amerň, t'amerň,
pure a lei glielo dirň
che t'amerň.

T'amerň, Zazá!
T'amerň, Zazá!
T'amerň, Zazá!
Zazá!

Zazá, Zazá,
za-za-za-za...
che t'amerň lo devo raccontare.
Con tua sorella mi devo sfogare.

Zazá, Zazá,
za-za
za-za
Za-za-ra-ra-ta-ra-ra.