Core 'ngrato

( Canta: Roberto Murolo )
( Autori: Cardillo - Cordiferro - 1911 )
( Conosciuta anche come: Catarì )

Ascolta tutte le canzoni di Roberto Murolo

  • Core 'ngrato - Roberto Murolo

 

Originale


Catarí, Catarí,
pecché mm' 'e ddice sti pparole amare?
Pecché mme parle e 'o core mme turmiente, Catarí?
Nun te scurdá ca t'aggio dato 'o core, Catarí.
Nun te scurdá.

Catarí, Catarí,
che vène a dicere
stu pparlá ca mme dá spáseme?
Tu nun ce pienze a stu dulore mio?
Tu nun ce pienze, tu nun te ne cure.

Core,
core 'ngrato!
T'hê pigliato 'a vita mia!
Tutto è passato
e nun ce pienze cchiù.

Catarí, Catarí,
tu nun 'o ssaje ca fino e 'int'a na chiesa
io só trasuto e aggiu pregato a Dio, Catarí.
E ll'aggio ditto pure a 'o cunfessore:
"Io stó a suffrí pe' chella llá."

"Stó a suffrí, stó a suffrí nun se pò credere,
stó a suffrí tutte li strazie."
E 'o cunfessore, ch'è perzona santa,
mm'ha ditto: "Figliu mio lássala stá,
lássala stá!"

Tutto è passato
e nun ce pienze cchiù!

Italiano corrente


Caterina, Caterina,
perché mi dici queste parole amare?
Perché mi parli e il cuore mi tormenti, Caterina?
Non dimenticare che ti ho dato il cuore, Caterina
Non dimenticare.

Caterina, Caterina,
che significa
questo parlare che mi dà spasimi?
Tu non pensi a questo dolore mio?
Tu non ci pensi, tu non ti preoccupi.

Cuore,
cuore ingrato!
Ti sei presa la vita mia!
Tutto è passato
e non ci pensi più.

Caterina, Caterina,
tu non sai che perfino dentro una chiesa
io sono entrato ed ho pregato Dio, Caterina.
E l'ho detto anche al confessore:
"Sto soffrendo per quella la."

"Sto soffrendo, sto soffrendo non si può credere,
sto soffrendo tutte le pene."
E il confessore, che è persona santa,
mi ha detto: "Figlio mio lasciala stare,
lasciala stare!"

Tutto è passato
e non ci pensi più!