Campane di Monte Nevoso

( Canta: Luciano Tajoli )
( Autori: Cherubini - Concina - 1952 )

Ascolta tutte le canzoni di Luciano Tajoli

  • Campane di Monte Nevoso - Luciano Tajoli

 

Originale


Campane di Monte Nevoso
che suonate nel vespro divin,
quel suono in un giorno radioso
salutò cento giovani alpin.

Lasciarono il bianco paesello
cento mamme e altrettanti tesor.
Un fior tra la piuma e il cappello
e una dolce canzone nel cuor:

Ritorneremo ancor sui nostri monti
e falceremo il grano al sole.
Berremo l'acqua viva delle fonti
che è pura come il nostro amor.

Campane di Monte Nevoso,
quei rintocchi nel cielo divin
sembravano un grido angoscioso:
"Proteggete i miei giovani alpin".

Tutto fu distrutto ma tu torni a rintoccar
campanil di Monte Nevoso.
Tra le mura lacere c'è sempre un focolar,
cento cuori sempre ad aspettar.

La primavera è tornata,
ha infiorato le valli e i sentieri
che videro partire gli alpini
e non li han visti più ritornare.

Ma ogni cuore aspetta ancora.
Ancora ogni sera
la valle riporta
l'eco di una canzone lontana:

Ritorneremo ancor sui nostri monti
e falceremo il grano al sole.
Berremo l'acqua viva delle fonti
che è pura come il nostro amor.

Campane, col suono giocondo
invocate la pace e l'amor.
Non quella che predica il mondo,
ma la pace che vuole ogni cuor.

Ma la pace che vuole ogni cuor!
Ma la pace che vuole ogni cuor!