Accussì

( Canta: Sergio Bruni )
( Autori: A. Pugliese - M. Ruccione - 1959 )

 

Originale


Accussí, accussí,
si' turnata n'ata vota 'nnammurata, 'mbracci'a me.
Sti viuline, a Margellina,
mo suspirano pe' te, 'nziem'a me.

T'accarezzo comme fusse tu na mamma,
doce, doce comme fusse na Madonna,
na Madonna,
tu pe' me.

Accussí, accussí,
nun parlá, nun dirme niente ca stu core vò' sentí
sulo 'o mare, sulo 'o viento abbracciato 'nziem'a te.
Accussí, accussí!

'O mare e 'o viento chiagneno, stanotte,
dint'a stu golfo.
Ricorde e ombre tornano, stanotte,
dint'a stu core.

Ah, quanto pagarría nu poco 'e suonno,
nu poco 'e suonno ca parla de te.
E 'o suonno vene e mme trascina 'nfunno,
comm'a na varca a mare, senza rimme.

Sulo 'o mare, sulo 'o viento
abbracciato 'nziem'a te.
Accussí!
Accussí!

Italiano corrente


Così, così,
sei tornata un'altra volta innamorata, tra le mie braccia.
Questi violini, a Mergellina,
ora sospirano per te, insieme a me.

Ti accarezzo come fossi tu una mamma,
dolcemente, come fossi una Madonna,
una Madonna,
tu per me.

Così, così,
non parlare, non dirmi niente che questo cuore vuol sentire
solo il mare, solo il vento, abbracciato a te.
Così, così!

Il mare e il vento piangono stanotte,
in questo golfo.
Ricordi e ombre tornano stanotte,
in questo cuore.

Ah, quanto pagherei per un po' di sonno,
un po' di sonno che mi parli di te.
E il sonno viene e mi trascina in fondo,
come una barca a mare senza remi.

Solo il mare, solo il vento,
abbracciato a te.
Così!
Così!